L’ennesima riorganizzazione dell’Inps. Cambiare tutto per non cambiare nulla!

Bologna -



Arriva una nuova riorganizzazione dell’Inps.
Negli ultimi anni c’č stato un susseguirsi di varie modifiche organizzative. La situazione che viviamo nel nostro lavoro di tutti i giorni, perň, non č certo migliorata. Riteniamo che anche con questa ennesima riorganizzazione la situazione non migliorerŕ.
Siamo passati dall’organizzazione per processi a quella attuale, che ha annullato completamente la precedente.
Negli anni sono state introdotte diverse novitŕ nell’organizzazione del lavoro, tra cui:
-introduzione dell’Agenda Appuntamenti, che altro non č che un modo di ampliare l’attivitŕ di sportello
-introduzione delle Linee Inps e delle caselle mail tematiche, solamente ennesimi canali di contatto (da presidiare)
-introduzione del CRM, la cui utilitŕ continua a sembrarci irrisoria (a fronte di un appesantimento dell’attivitŕ di sportello)
Nel frattempo, oltre a doverci occupare di tutti questi canali di contatto con l’utenza, dobbiamo occuparci delle lavorazioni delle pratiche in tempi sempre piů ristretti (Naspi, pensioni, ricorsi, ecc.).

Sappiamo bene di quale riorganizzazione avrebbe bisogno l’Inps:
-nuove assunzioni
-salari dignitosi
-area unica amministrativa
-passaggio in area C dei colleghi oggi in area A ed in area B (creazione dell’Area Unica)
-procedure telematiche funzionanti
-fine delle esternalizzazioni (a cominciare dall’informatica)

L’ennesima riorganizzazione ci sembra il modo di cambiare tutto per non cambiare niente!! I veri problemi dell’Inps sono quelli elencati sopra. Se non si risolvono, l’Inps non funziona!
Speriamo almeno che l’attuale riorganizzazione non sia opera della Kpmg, com’era la precedente. Almeno si risparmierŕ il denaro per un’inutile consulenza!

Usb/Inps - Bologna